Notice
AltraMente Scuola per tutti - Politica e società
Un’altra musica a difesa dei Beni Comuni PDF Stampa
Mercoledì 20 Novembre 2013 11:28

Comune-info - A Pisa dal 22 al 24 novembre si terrà  Un’altra musica in Comune l’appuntamento rivolto a tutte le esperienze territoriali e alle realtà politiche e sociali che vogliono approfondire, proporre e sperimentare forme di democrazia partecipata, valorizzare le esperienza in difesa dei beni comuni e realizzare “eresie amministrative” che si oppongano alle politiche di austerità. Obiettivo di Un’altra musica in Comune è la proposta di campagne, iniziative, interrogazioni, odg e delibere da portare in più Consigli comunali sui temi caldi delle nostre città – casa, tassazione, patrimonio, servizi essenziali e beni comuni.

 
Capitalismo finanziario globale e democrazia: la stretta finale PDF Stampa
Martedì 19 Novembre 2013 13:24

La relazione causale tra finanziarizzazione del capitale globale e il crollo della democrazia, particolarmente in Europa (continente in cui il compromesso fra capitale e lavoro aveva raggiunto uno dei punti più avanzati), è giunta ad una fase estrema: quella che segna la manifesta incompatibilità di questo moderno capitalismo con le forme della democrazia fin qui conosciuta. Si pone il problema di un nuovo soggetto della trasformazione.

Alfonso Gianni - Vi è una connessione che merita di essere indagata tra i processi di intensa finanziarizzazione del capitale e quelli di “democratizzazione” dei sistemi istituzionali, sia nei singoli stati nazionali sia, e soprattutto, nelle entità sovranazionali, quale quella europea.

 
Bachelet no logra triunfar en primera vuelta en las elecciones de Chile PDF Stampa
Lunedì 18 Novembre 2013 11:24

Redazione - Pubblichiamo un esaustivo articolo da EL PAIS sulla prima tornata elettorale delle presidenziali in Cile. La socialista Bachelet è in netto vantaggio, ma non raggiunge il 50%. Si va quindi al ballottaggio il 15 dicembre. Importante segnalare come entrino nel "Congreso" 4 leader delle mobilitazioni studentesche del 2011: Camilla Vallejo, Karol Cariola, Giorgio Jackson e Gabriel Boric.

da El Pais - Pese a todos los pronósticos de la centroizquierda chilena y al optimismo de la exmandataria socialista, Michelle Bachelet, la candidata de la Nueva Mayoría no logró triunfar en primera vuelta en las elecciones presidenciales de este domingo: la pediatra de 62 años obtuvo un 46,68% de los votos con un 99,34% de las urnas escrutadas, y deberá competir en la segunda vuelta con la postulante de la derecha, Evelyn Matthei, el próximo domingo 15 de diciembre.

 
16 novembre, i fiumi in piena delle comunità che resistono PDF Stampa
Giovedì 14 Novembre 2013 11:31

Il 16 novembre quattro luoghi simbolo della lotta per la difesa dei beni comuni e per i diritti di cittadinanza scendono in piazza: Val di Susa, Pisa, Napoli e Gradisca d’Isonzo.

La lotta NoTav in Val di Susa contro la devastazione ambientale e la cementificazione del territorio; Pisa, con il suo attacco frontale all’intoccabilità della proprietà privata e la tutela dei beni comuni; Gradisca d’Isonzo, per la chiusura del CIE simbolo di politiche securitarie e disumane, incapaci di accoglienza ma solo di repressione; Napoli, per denunciare ancora una volta l’avvelenamento del territorio, la distruzione di un’economia locale, il rischio sanitario a cui sono esposte milioni di persone, a causa di un’economia che si serve della mafia per diminuire i costi ed aumentare i profitti.

 
Scanzano chi? PDF Stampa
Mercoledì 13 Novembre 2013 11:48

Giorgio Nebbia Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Scanzano chi ? Sono passati dieci anni da quando questo quasi sconosciuto, e poi presto dimenticato, paesino della Basilicata è stato al centro di una battaglia ecologica che allora ebbe un certo rilievo. La storia è presto raccontata. In Italia da decenni esistono alcune diecine di migliaia di tonnellate di sostanze radioattive, ad alta e media radioattività, che sono il residuo di una sventurata stagione nucleare, consistita nella costruzione di alcuni reattori, quattro più grossi e altri minori, chiusi dopo breve tempo uno dopo l’altro, e in avventate attività di trattamento di barre nucleari importate dagli Stati Uniti e che ci sono rimaste in casa col loro carico di plutonio, torio e uranio.

 
Svizzera, il referendum sul reddito minimo incondizionato si farà PDF Stampa
Mercoledì 13 Novembre 2013 01:00

Redazione - Si terrà a Roma nella primavera del 2014 il vertice europeo sulla disoccupazione giovanile. Lo ha annunciato da Parigi, dove si trova al summit Ue, il premier Enrico Letta. "Conferenza dei primi ministri Ue sull'occupazione dei giovani", così si chiamerà l'incontro. L'Europa non riesce a trovare risposte adatte allo scivolamento rapido verso tassi di disoccupazione allarmanti, e vertici di questo tipo si concludono spesso con un nulla di fatto o con misure irrisorie che non risolvono il problema. In Svizzera, invece, c'è una novità da guardare con attenzione: è un referendum sul "reddito minimo incondizionale", di cui di seguito proponiamo un articolo di spiegazione, tratto da controlacrisi.org

 
Il mondo non è un grande supermercato PDF Stampa
Lunedì 11 Novembre 2013 10:35

Politica alimentare: il mondo non può essere un grande supermercato

Siamo arrivati a 7 miliardi di esseri umani che abitano il pianeta. Più di metà di loro vive ammucchiata in grandi città. Distanti dai loro luoghi di origine. E per la prima volta nella storia abbiamo raggiunto la triste statistica di un miliardo di persone, affamate tutti i giorni. Ossia, il 14% degli esseri umani non ha diritto alla sopravvivenza . E tra essi migliaia di bambini e le loro madri muoiono ogni giorno.

João Pedro Stédile* (traduzione Antonio Lupo – Comitato Amigos MST Italia) - Alla popolazione che riesce ad alimentarsi è stata imposta una standardizzazione dei prodotti alimentari. Quattrocento anni fa, prima dell'avvento del capitalismo, gli esseri umani si nutrivano con più di 500 specie diverse di piante.

 
Lione Torino, ancora un Grande progetto Inutile e Imposto! PDF Stampa
Lunedì 11 Novembre 2013 10:17

Corinne Morel Darleux e Laurence Pache - Ratificazione del accordo franco-italiano per la nuova linea ferroviaria Lione Torino: i deputati impegnano la Francia in un grande progetto, costoso, inutile, distruttore della natura e senza il popolo. I deputati hanno approvato il 31 Ottobre 2013 l'accordo franco-italiano sulla realizzazione della linea ferroviaria LioneTorino, la nuova tappa di questo progetto contestatissimo. Quest'accordo, siglato il 30 Gennaio 2012 deve ora essere sottoposto al vaglio del Senato il 18 Novembre. Quest'accordo riguarda la progettazione, la realizzazione e lo sfruttamento del tratto che attraversa il confine franco italiano, quello con la galleria di base di 57 km, opera maggiore del tracciato tra le città di Saint Jeande Maurienne et Susa.

 
Smettiamola di preoccuparci del lavoro PDF Stampa
Lunedì 11 Novembre 2013 09:51

Francesco GesualdiGlobalizzazione e austerità hanno certificato che questo sistema di lavoro non ne creerà più. E non sappiamo se salutare la notizia con un grido di dolore o un urlo di gioia. Per cominciare di quale lavoro stiamo parlando? La domanda è d’obbligo perché se ci guardiamo attorno, di lavoro da fare ne vediamo a bizzeffe: edifici pubblici e privati da rimettere a posto, argini di fiumi da rinforzare, città da ripulire e buche da sistemare, bambini svantaggiati da sostenere e anziani da assistere. Avessimo voglia di fare, non ci sarebbe che l’imbarazzo della scelta.

 
La guerra civile in Iraq e lo spettro di un nuovo stato sunnita PDF Stampa
Martedì 05 Novembre 2013 10:09

Marco Calamai, da resetblog - Al Maliki, primo ministro iracheno, ha trovato negli Usa, in occasione della sua seconda visita ufficiale (la prima fu nel 2011, quando gli americani lasciarono il paese dopo otto anni di occupazione), un clima politico a dir poco diffidente nei suoi riguardi. Le ragioni? Il paese sta di nuovo scivolando in una sanguinosa guerra civile tra sciiti e sunniti: circa mille morti nell’ultimo mese, quasi settemila, secondo l’Onu, nell’ultimo anno. Al Maliki, che si è sempre dichiarato amico degli Stati Uniti, ha chiesto ad Obama nuove forniture militari, da pagare con il petrolio, per far fronte alla sfida, sempre più aggressiva, dei gruppi “terroristi” arabo-sunniti, legati in modo diretto o indiretto ad Al Qaeda.

 
«InizioPrec.12345678910Succ.Fine»

Pagina 5 di 70


AltraMente - scuola per tutti • Sede legale: Corso d'Italia, 29 • 00198 Roma

P. IVA: 10582921002 • C.F.: 97550990580 • info@altramente.org

 

Cerca nel sito

Pezzettini. Festa della Lettura a Torpignattara