Notice
AltraMente Scuola per tutti - Libri e lettura
Lo scatenato Django PDF Stampa
Giovedì 17 Gennaio 2013 12:21

Giuliano Santoro - "Django Unchained è un dramma dai risvolti comici che si fonda sulla denuncia di ogni forma di fascismo": dopo l’ultraviolenza antinazista dei Bastardi Senza Gloria, Quentin Tarantino presenta la sua nuova pellicola e non nasconde il suo obiettivo. È un western che parla di padroni e razzisti, di sfruttamento e ribellione, di orribili torture e tremende vendette.

 
“Gli Equilibristi”, una non-recensione PDF Stampa
Lunedì 03 Dicembre 2012 12:48

Dario Mavilia - Ho cominciato a scrivere questo articolo pensando di recensire “Gli Equilibristi”, bellissimo film diretto da Ivano Di Matteo e che vede nel ruolo di protagonista Valerio Mastandrea. L'ho visto due giorni va ad Acrobax, spazio occupato romano, che festeggia in questi giorni i suoi 10 anni. L'intenzione di scrivere una recensione del film è stata subito cancellata dalla lettura di quelle già scritte, e che ormai si trovano in gran quantità nel web.

 
Le fiabe di AltraMente: Dodici PDF Stampa
Lunedì 19 Novembre 2012 11:50

Patrizia Sentinelli - Mi chiamo Dodici. Sono una bella adolescente, sicura e strafottente, pronta a entrare nell’età adulta. La mia è un'età di mezzo, difficile e faticosa. Ma mi piace. Provare inquietudine per il futuro, porsi obiettivi e superare gli ostacoli per raggiungerli é il solo modo che conosco per crescere davvero.

 
Ben Pastor - La traccia del vento PDF Stampa
Lunedì 05 Novembre 2012 11:13

Valerio Calzolaio - Britannia. Agosto-ottobre 305 d. C. L’investigatore ufficiale di cavalleria e storico Elio Sparziano, discendente di schiavi barbari (celti) e romano di cittadinanza e cultura, arriva sull’isola dieci anni dopo che l’Impero ha debellato le ribellioni di Carausio e Allecto.

Deve indagare su recenti attacchi a forti e presidi difensivi nel “Transvallum”, poco a nord del Vallo di Adriano (l’istmo verso la Scozia).

Viene subito a sapere di un terzo massacro ad Aestiva, qualche ora da Petrianae, dove ora risiede. C’erano quaranta uomini e un comandante esperto. Trucidati.

Verifica varie stranezze, fra l’altro armi e contanti sembrano non aver interessato gli assalitori. Eppure vi sono tracce di un antico tesoro e soffi di troppi forti venti. Raccoglie informazioni in cene e bordelli, sfugge ad agguati, svela una clamorosa macchinazione.

La ricostruzione storica è accurata e affascinante nel quarto romanzo della serie imperiale dell’italiana di lingua inglese Ben Pastor (“La traccia del vento”, Hobby & Work 2012, pag. 358 euro 14,90; orig. 2012, trad. Judy Faellini), in terza fissa, con molte pagine di diario, lettere, note.

Vino Piceno.

 
Thomas Enger - Dolore fantasma PDF Stampa
Lunedì 05 Novembre 2012 11:10

Valerio Calzolaio - Oslo. Agosto 2009. Henning Juul continua a pensare al figlio di 6 anni morto l’11 settembre 2007 in un incendio forse doloso del suo appartamento. Una sua parte non esiste più e il dolore viene da lì. Vive solo e dorme male, già prima la moglie Nora si era messa con il collega della redazione online di 123news.

Da poco ha risolto di fatto un primo caso criminale, ora lo contatta Pulli, ricco immobiliarista diabetico già violento esattore, in carcere, incastrato per un omicidio, che, in attesa dell’appello (l’avv. si chiama Frode), chiede aiuto e offre notizie sull’incendio. Qualcuno non vuole che parli, prendono di mira un bravo cameraman, ne minacciano la famiglia affiatata, lo costringono a gesti criminali. Le indagini sono due e si intrecciano, forse l’omicidio non c’entra con l’incendio.

E, infatti, rischiando molto, fra tanti morti, Henning aiuta a risolvere quel caso. Ma non l’altro, il suo personale: non finisce qui! Seconda tappa fra le sei previste della discreta macchinosa serie del 39enne norvegese Thomas Enger (“Dolore fantasma”, Iperborea 2012, pag. 377 euro 17,50; orig. 2011, trad. Giuliano D’Amico), in terza varia. REM.

 
Luisanda Dell'Aria - Emozioni parallele PDF Stampa
Lunedì 05 Novembre 2012 11:05

Valerio Calzolaio - Roma e Milano. Un diario recente. Escono anche graziosi testi autoprodotti dagli autori, più spesso di quel che si crede. Non è un male in sé, risponde a realtà di scritture diffuse, letture intrecciate, mercato complicato.

Lo pseudonimo Luisanda Dell’Aria descrive in prima persona “Emozioni parallele”: Vittoria, una scrittrice abbastanza affermata, ha il matrimonio naufragato e la figlia Giulia da amare, vive una bella relazione con l’editor Alfredo, incontra un chirurgo di cui si innamora, seppur lui tenda a disporre di lei come vuole. Le amiche la sconsigliano, Alfredo sposa Sara, lei continua a domandarsi come vivere.

Non male, non ancora un romanzo, un curato fluire sentimentale alle soglie della “narrazione”.

Editore www.ilmiolibro.it - Pagine 97 - Prezzo 16 euro

 
Calendario della fine del mondo PDF Stampa
Venerdì 02 Novembre 2012 10:17

Redazione - Pubblichiamo il commento di Roberto Donini a “Calendario della fine del mondo”, il libro edito da Inbtra Moenia e Democrazia chilometro zero.

Cosa c’è di fronte a noi - Cari Anna, Anna e Gigi, cara Dkm0, Ho letto e annotato il vostro “Calendario”; ora non so per certo quando finirà il mondo anche perché magari arriverà “come un gigantesco esaurimento nervoso” (p. 227) come dice Guzzanti citato da Daniele Barbieri. Al contrario ho qualche punto di riferimento in più al di qua della fine.

 
A quarant’anni da “L’imbroglio ecologico” – 2012 PDF Stampa
Lunedì 15 Ottobre 2012 09:27

Giorgio Nebbia - Quarant’anni fa l’editore Einaudi pubblicava un libro destinato a suscitare polemiche ma anche a dare nuovo respiro all’ecologia. Si tratta di “L’imbroglio ecologico” dello scrittore Dario Paccino (1918-2005); erano gli anni delle breve primavera, durata dalla metà degli anni sessanta fino alla metà degli anni settanta del Novecento, in cui sembrava che la scoperta delle leggi dell’ecologia spingesse a nuovi rapporti di solidarietà fra gli uomini con la natura e degli uomini fra loro.

 
Elena Ferrante - Storia del nuovo cognome PDF Stampa
Lunedì 08 Ottobre 2012 09:31

Valerio Calzolaio - Napoli. 1961-1968. Elena continua a raccontare. Faceva il liceo quando Raffaella si è sposata, entrambe 16enni. Erano cresciute povere insieme in un misero violento rione di plebe napoletana, senza telefoni e televisori, senza libri e italiano, lei figlia di un usciere comunale, l’altra di un calzolaio, madri casalinghe, lei tre fratelli piccoli, l’altra fratello maggiore Rino, lei bionda, l’altra nerissima.

Dal giorno delle nozze (e delle scarpe) la vita le separa: lei illibata, miope occhialuta, brufolosa, troppo piena, indigente studiosa pensierosa commossa, mite; l’altra sistemata consumata seduttiva ricca elegante memore gelida, vivace e ribelle, più alta snella nervosa. Il matrimonio con Stefano non va, Lila resta incinta ma perde la prole, ha bisogno di mare, paga Lenù per accompagnarla, lei accetta perché vuole incontrare il ragazzo di cui è innamorata.

L’estate a Ischia ancora una volta cambierà tutto, le farà allontanare a lungo, Lila tradisce e scopre l’amore, lei perde la verginità senza amore né sesso, Lila sarà ramenga con il figlio Gennaro, lei universitaria a Pisa. Prosegue la storia parallela di due artiste della scrittura, vicende emozioni genialità che si intrecciano. Una meraviglia anche la saga giovanile del dolente “pseudonimo” Elena Ferrante (“Storia del nuovo cognome”, e/o, pag. 475 euro 19,50), essenzialità e alterità napoletane nell’identità nazionale.

Lingua ed esistenza sono ricerche sformate, smarginature, squilibri e molestie d’amore. Consiglio di leggerlo, di leggerlo ad alta voce con un affetto, poi di discuterne in compagnia elettiva. E’ inquieta la vita, alcuni (pochi) continuano a viverci dentro e noi in altri, non dolcemente, diacronicamente, senza coerenza o reciprocità. Siamo molto meno diversi di quel che crediamo, anche se ogni istante di ciascuno è irripetibile, accidenti! Paul Anka e uovo sbattuto.

 
Petros Markaris - L'esattore PDF Stampa
Mercoledì 29 Agosto 2012 09:41

Sergio Calzolaio - Atene. Maggio 2011. Qualcuno avvisa pacatamente evasori fiscali che se non pagano li uccide. Con due lo fa davvero, qualcun altro versa il dovuto allo Stato. Poi chiede una meritata provvigione, i Servizi cercano di gabbarlo, allora ammazza un paio di “favoriti” del sistema. E diventa una sorta di eroe nazionale. Eppure l’antiquato, goffo, mite, coriaceo commissario Kostas Charitos deve proprio cercare di arrestarlo. Con meno lavoro causa il triste susseguirsi solo di disperati suicidi per la crisi e le strade intasate per scioperi e manifestazioni, nonostante la figlia Caterina voglia partire per l’Africa e il vocabolario Dimitrakos non gli dia il solito aiuto, troverà il modo per farsi finalmente promuovere. Fortuna che ha Zisis e Mània! Talora si fa un po’ il verso per le strade dell’Acropoli, tuttavia è sempre un grande (con una trama geniale) il pluripremiato mitico 75enne Petros Markaris (“L’esattore”, Bompiani 2012, pag. 343 euro 18,50; orig. 2012, trad. Andrea di Gregorio), in prima al presente, colma di pietas senza enfasi. Segnalo il menu di Ai-stratis a pag. 278. Ghemistà (pomodori e peperoni ripieni) e silenzi.

 
«InizioPrec.123456789Succ.Fine»

Pagina 5 di 9


AltraMente - scuola per tutti • Sede legale: Corso d'Italia, 29 • 00198 Roma

P. IVA: 10582921002 • C.F.: 97550990580 • info@altramente.org

 

Cerca nel sito

Pezzettini. Festa della Lettura a Torpignattara