Notice
La riforma della governance affidata alla BCE e non al Parlamento Europeo PDF Stampa
Lunedì 09 Marzo 2015 12:42

di Roberto Musacchio

Pubblichiamo di seguito alcuni documenti politici importanti della Commissione Europea sulla discussione in corso relativa ad un "Riesame della governance europea":

  1. Il documento in italiano della comunicazione ufficiale della Commissione Europea sul "riesame della governance europea" e che illustra come intende muoversi la Commissione Juncker;
  2. Il testo - disponibile solo in inglese - del documento "Preparing for Next Steps on Better Economic Governance in the Euro Area" redatto di fatto da Juncker "in close cooperation" con BCE, EUROGRUPPO e CONSIGLIO EUROPEO che è alla base delle "riflessioni" dei Capi di Stato e di Governo UE;
  3. Un testo di accompagnamento a quello descritto al punto 2 ("tabelle di appoggio").

 

Questo è quanto "indica" Juncker come percorso:

 

"In occasione del Consiglio europeo del 12 febbraio 2015, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha presentato una nota di analisi sull’Unione economica e monetaria (UEM), elaborata in stretta collaborazione con Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, Jeroen Dijsselbloem, presidente dell’Eurogruppo, e Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea.

Il documento fa il punto della situazione sull’Unione economica e monetaria, identifica le principali carenze messe in evidenza dalla crisi e descrive le misure finora adottate per porvi rimedio. Questa analisi prepara il terreno per un dibattito ed è il primo passo verso una relazione a cura dei quattro presidenti sul futuro dell’Unione economica e monetaria, la cui pubblicazione è prevista per il mese di giugno.  Il vertice euro del 24 ottobre 2014 ha invitato il presidente Juncker a preparare, in stretta collaborazione con i presidenti del vertice stesso, dell'Eurogruppo e della Banca centrale europea, "le prossime misure per migliorare la governance economica nella zona euro". Il Consiglio europeo del 18 dicembre 2014 ha confermato il mandato conferito ai quattro presidenti."

Ricordiamo che il tutto "parte" da un altro documento allegato, del 2012, dal titolo "VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA" che delinea anch'esso altre piste di riflessione.

La cosa che balza agli occhi e che colpisce è che questa importante ridiscussione della governance esclude dalla proposizione il Parlamento Europeo mentre è coinvolto il Presidente della BCE insieme ai presidenti della Commissione, del Consiglio Europeo e dell'Eurogruppo. Il che la dice lunga sui problemi di democrazia che vive la UE. Nel merito del testo di apertura di Juncker e degli altri tre si ribadisce inizialmente il quadro attuale mentre nella seconda parte si scrive di problemi strutturali come quelli dati dai differenziali occupazionali e negli scambi commerciali ma senza avanzare proposte di soluzione.

 


Altra Mente scuola per tutti - APS

info@altramente.org • P. IVA: 10582921002 • C.F.: 97550990580

 

Cerca nel sito

Pezzettini. Festa della Lettura a Torpignattara